Gnocchi di patate zucca e castagne affogati al marsala

Che bel grigiore oggi! Lo dico sorridendo. No, davvero, non sto scherzando, adoro l’autunno ed il suo grigiore variegato. Sì, perché a differenza dell’inverno, piuttosto monocromatico, l’autunno ti sorprende, sfoggiando tonalità di grigio da far invidia a Giorgio Armani. W l’autunno ed il suo freddo non intenso, le sue piogge, le foglie ammucchiate. Che meraviglia, come potrei farne a meno? E come potrei rinunciare anche oggi, ad un piatto a base di zucca? Ok, se vi ho annoiato, prendetevela con Soleluna e con la sua fantastica idea di raccogliere il più grande ricettario, di piatti a base di zucca, della blogosfera. All’appello, mancano ancora i tortelli cremonesi, che ho ripetutamente annunciato, ma come ogni grande giocatore che si rispetti, calerò il mio “asso” alla fine della rassegna.

Gli gnocchi di oggi, però non sono “farina del mio sacco” (simpatica metafora, eh?!), bensì di Donatella. Sono da provare e credo che lo farò prestissimo. Già me li vedo sulla spianatoia in attesa del tuffo finale in pentola…

Un saluto a tutti, CookingMama

Ricetta: GNOCCHI DI PATATE, ZUCCA E CASTAGNE AFFOGATI AL MARSALA

499093279.JPG

Ingredienti:

600 gr di zucca mantovana (meglio varietà Marina di Chioggia), 300 gr patate olandesi (o patate farinose), 100 gr farina castagne, 100 gr farina 00, salvia, cannella, 200  gr ricotta o normale o se preferite affumicata, 100 gr burro, 1 cucchiaio di semi di papavero, noce moscata, se vi piace 1 cucchiaio di marsala.

Preparazione:

Fate in pezzi la zucca senza sbucciarla e cuocetela in formo a 180° coperta con un foglio di alluminio fino a quando risulterà tenera. Lessate le patate con la buccia oppure nel microonde, sbucciatele, unite alla zucca, privata anche’essa della buccia e schiacciate il tutto con lo schiaccia patate. Unite le due farine, regolare di sale e lavorare il composto fino ad ottenere un impasto soffice ma consistente.

Preparate quindi gli gnocchi, facendoli girare su una forchetta o grattugia.

Sciogliere il burro con la salvia in una padella antiaderente. Buttate gli gnocchi in acqua bollente salata e aspettate che vengano a galla, dopodiché versateli nella padella antiaderente con il burro, infine fateli saltare a fuoco vivo, in modo da renderli croccanti. Unite il marsala.

In una terrina setacciate la ricotta (se usate quella fresca) e unite la cannella e la noce moscata. Se vi risulta troppo dura, unite un cucchiaio d’acqua di cottura degli gnocchi. Unite il composto agli gnocchi e servite ben caldi, cospargendoli con semi di papavero. Se invece preferite  la ricotta affumicata, grattugiatela grossolanamente sugli gnocchi,  date una spolveratina di noce moscata e cannella, infine unite i semi di papavero e anche in questo caso serviteli ben caldi!!

Gnocchi di patate zucca e castagne affogati al marsalaultima modifica: 2008-10-22T14:28:05+02:00da luanselmo
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “Gnocchi di patate zucca e castagne affogati al marsala

  1. lo sai cosa mi ha attirato qui?
    affogati al marsala!!! hahahaha
    ricetta spettacolare..e sono felice per due motivi!
    1) ci va la farina di castagne..ero già in panico per dover spellare una quintalata di castagne
    2) la pensi come me per quanto riguarda l’autunno!!!
    è una stagione bellissima!!!
    bacioniii

  2. Dato che ami l’autunno come me… ecco un bellissima poesia a tema

    Ottobre

    Un tempo, era d’estate,
    era a quel fuoco, a quegli ardori,
    che si destava la mia fantasia.
    Inclino adesso all’autunno
    dal colore che inebria;
    amo la stanca stagione
    che ha già vendemmiato.
    Niente più mi somiglia,
    nulla più mi consola,
    di quest’aria che odora
    di mosto e di vino
    di questo vecchio sole ottobrino
    che splende nelle vigne saccheggiate.
    Sole d’autunno inatteso,
    che splendi come in un di là,
    con tenera perdizione
    e vagabonda felicità,
    tu ci trovi fiaccati,
    vòlti al peggio e la morte nell’anima.
    Ecco perché ci piaci,
    vago sole superstite
    che non sai dirci addio,
    tornando ogni mattina
    come un nuovo miracolo,
    tanto più bello quanto più t’inoltri
    e sei lì per spirare.
    E di queste incredibili giornate
    vai componendo la tua stagione
    ch’è tutta una dolcissima agonia.

    Vincenzo Cardarelli

  3. cara Luana è molto particolare questa ricetta ed è sicuramente da provare al piu presto, è stata veramente una buona l’idea,quella di fare questa raccolta di ricette con la zucca,sto scoprendo abbinamenti con la zucca mai sentiti….a presto Tittina

Lascia un commento