RISOTTO ALL’ASTICE

Come era bella Cremona oggi…

Pennellata di un grigio lieve, agitata da un’arietta freschissima e piacevole, profumata di dolcissimo tiglio.

Concluse le faccende domestiche pesanti, non ci ho pensato due volte e sono uscita a farmi due passi: da sola, ovviamente, senza orpelli attorno ed orari da rispettare. Una meta? Oddio, Cremona è un paesetto, bastano due passi per percorrere tutti i luoghi chiave e magari fare pure una bella incursione in qualche rinomata bottega gastronomica. Non avevo una meta ben precisa, in testa solo la voglia di passeggiare piacevolmente, mescolandomi tra i numerosi turisti in gita. E, che piacere camminare nei vicoli acciottolati, frugando qua e là sui muri dei palazzi storici in cerca di qualche prezioso dettaglio, che non manca di svelarsi agli sguardi più attenti.

Sono tra i fortunati che hanno potuto sfruttare il ponte del 2 di giugno, ma a differenza di molti miei connazionali, ho deciso di abbandonare la macchina nel box e dedicare quattro giorni ai piaceri domestici. Che tradotti significano: pulizie fatte come si deve, rimessa a punto del balcone, ritorno ai fornelli, passeggiate in completa solitudine con shopping d’impulso annesso. Meraviglia…

Oggi è stato il turno del balcone, che ora ha davvero un aspetto invitante, e del girovagare per la città. C’è stato pure spazio per lo shopping d’impulso: una gonnellona lunga, lunga acquistata da Zara. Non riuscirei ad enumerare tutte le gonne lunghe che ho nell’armadio, ma proprio non riesco a rinunciare all’acquisto di un capo del genere. Ho gonne lunghissime, abiti altrettanto lunghi che indosso nella stagione calda. Sono la mia divisa estiva, insomma, che porto accompagnata da sandali rasoterra e occhiali giganteschi di Chanel. Il massimo…

Lo scorso anno Rebecca, guardandomi con approvazione mentre indossavo un lungo abito color carta da zucchero punteggiato da fiorellini bianchi, mi disse timidamente “Mamma, forse sembri una figlia dei fiori…”

“E perché dici “forse”?”

Rebecca esitò cercando lo spunto.

“Perché non so cosa vuol dire, ma sono sicura che c’entra qualcosa!”

Rebe, sei troppo un mito…

 

Dopo l’overwork delle settimane passate (due mesi, per l’esattezza…) che ha assorbito completamente il mio tempo, sono finalmente riuscita a tornare ai fornelli, così per pranzo ho preparato un risotto molto interessante, che padre e figlia hanno molto apprezzato. W la tavola ed il buon cibo!

 

Vi bacio tutti, CookingMama

 

Ricetta: RISOTTO ALL’ASTICE

 

DSC_1159.JPG

 

Occorrono (per 4): 300gr di riso carnaroli, brodo di crostacei, zafferano, 70gr burro, 1 astice da 500/600gr, mezzo bicchiere di passata di pomodoro, grana padano, 1 bicchierino di brandy.

Procedo così: Lesso l’astice in abbondante acqua bollente, per dieci minuti circa. Spengo il fuoco e faccio raffreddare nell’acqua di cottura per qualche minuto, quindi scolo ed estraggo la polpa. Taglio la polpa a rondelle.

Nel frattempo preparo il risotto. In una casseruola ampia faccio fondere 50gr di burro. Unisco il riso e lascio tostare per qualche minuto. procedo aggiungendo il brodo e porto a cottura. Durante la preparazione del riso, faccio rosolare la polpa dell’astice in una padella con il burro caldo; aggiungo il brandy e lascio sfumare. Quindi unisco la passata di pomodoro, precedentemente scaldata e faccio cuocere per 3 minuti.

Quando mancano pochi minuti al termine della cottura del riso, aggiungo lo zafferano. Al termine, aggiungo l’astice e mescolo accuratamente. Spolverizzo con il grana e termino mantecando per un paio di minuti. Un giro di pepe, un po’ di prezzemolo tritato ed è pronto.

RISOTTO ALL’ASTICEultima modifica: 2009-06-01T19:57:00+02:00da luanselmo
Reposta per primo quest’articolo

11 pensieri su “RISOTTO ALL’ASTICE

  1. Bentornata in cucina, eravamo curiosi di sapere quale sarebbe stato il tuo prossimo piatto, ci aspettavamo qualcosa di gustoso, ma questo risotto è assolutamente sublime, non poteva che avere successo a tavola. Piatti come questo rientrano tra i nostri preferiti! E la prossima volta con cosa ci stupirai? Ci stai viziando!
    A Cremona non siamo mai stati, ma siamo sicuri che prima o poi la visiteremo!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

  2. La “figlia dei fiori” ahahahahaha troppo forte Rebecca!!! ahahahahahaaha… anche io ho avuto la fortuna di fare ponte.. solo che con il tempaccio abbattutosi su Roma, non son potuta uscire a far gran che.. Ottimo il tuo risotto!!!! un abbraccio grande…

  3. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l’iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su “Inserisci il tuo blog – sito”
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

Lascia un commento