TAGLIATELLE ALL’ERBA CIPOLLINA… con lacrima!

Bevo per dimenticare…

DSC_1841.JPG

… è così. Mi aggrappo alla bottiglia per sedare quel torpore malinconico che mi attanaglia da venerdì.

Faccio parte della categoria dei “diversamente alcolizzati”, il che significa che una bottiglietta di Campari Mixx mi dura circa quattro giorni. Tiro giù un sorsino ogni tanto, così da rallegrare la gola. Berla tutta non ne sarei mai capace, o meglio, così pensavo fino a venerdì scorso. Fino a quando, mi sono accorta che il dispiacere riesce a modificare anche lo stile di vita più radicato. Ora la bottiglietta mi dura due giorni…

Venerdì è stato il mio ultimo giorno di lavoro in Henkel ed è per questo che mi sento così frastornata. Pensate che nemmeno sono riuscita a godermi LA GRANDE VITTORIA DELL’INTER IN CAMPIONATO (… forse perché manca ancora all’appello la Champions). Sei anni in Henkel hanno significato un sacco di cose per me. Non riuscirei ad elencare tutte le grandi soddisfazioni ed i successi che ho raccolto durante il percorso. In sei anni io ed il mio mitico team ne abbiamo combinate di tutti i colori. Ci siamo divertite, abbiamo costruito casi “da manuale”, ci siamo volute un sacco di bene, non ci siamo mai tirate indietro.

Ed ora tutto questo mi manca, mi manca tantissimo. Anche se da lunedì sarò di nuovo in pista per una nuova grande sfida in una super-multinazionale francese, pensare alla Dany, la Licia e la Simo mi mette gioia e tristezza allo stesso tempo. E allora, giù un altro sorsino di Campari Mixx, così anestetizzo il dispiacere!

Prima di ricominciare, mi sono presa una settimanina di pausa. Ero stanchissima, provata sia fisicamente che psicologicamente. Avevo anche bisogno di stare vicino a Rebecca che sta passando un periodaccio. Insomma, Cremona mi stava reclamando ed io non mi sono certo tirata indietro: eccomi qui, dunque, a far la mamma e la moglie a tempo pieno (… BELLISSIMO).

Non vi racconto oggi ciò che sto combinando in questo breve momento di oblio, ma se tornerete a trovarmi potrete scoprirlo. Nel frattempo, vi lascio la ricetta della pasta che ieri Rebecca ha voluto al suo rientro da scuola. La dedico alle mie super-amiche di Henkel ricordando a tutte loro che il sentimento vero non muore mai…

Ricetta: TAGLIATELLE ALL’ERBA CIPOLLINA

DSC_1835.JPG

Ingredienti: 250gr di tagliatelle all’uovo, un mazzetto di erba cipollina, un ciuffo di prezzemolo, 150gr di prosciutto cotto in una sola fetta, 120ml di panna da cucina (light), 30gr di grana grattugiato, noce moscata abbondante, olio extravergine, sale e pepe.

Procedo così: Lavo e asciugo l’erba cipollina (io la coltivo sul balcone!) e le foglie di prezzemolo, quindi trito le due erbe insieme. Taglio a cubetti di mezzo cm il prosciutto cotto ed insaporisco in una padella per qualche minuto con un filo d’olio ed il trito di erbe. Aggiungo la panna e scaldo, amalgamando bene.

Lesso le tagliatelle in abbondante acqua salata, le scolo e le verso nella padella con il condimento, unitamente ad un cucchiaio di acqua di cottura. Mescolo bene ed aggiungo una generosa macinata di pepe ed una grattata di noce moscata. Cospargo con il grana padano grattugiato, mescolo bene e servo.

Dany, Licia, Simo, vi voglio un bene gigantesco, CookingMana

TAGLIATELLE ALL’ERBA CIPOLLINA… con lacrima!ultima modifica: 2010-05-18T11:49:18+02:00da luanselmo
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “TAGLIATELLE ALL’ERBA CIPOLLINA… con lacrima!

  1. Diversamente alcolizzata…..sei un mito! 😀
    Posso immaginare il tuo stato d’animo, lasciare il tuo team, un ambiente in cui ti sei trovata bene e hai raccolto molti successi deve essere uno shock. I cambiamenti io ho bisogno di interiorizzarli, ho bisogno di tempo, ti confesso che inizialmente mi spaventano, mi fanno mettere in discussione, mi fanno chiedere se sarò in grado di fare un buon lavoro, di riuscire ad esprimermi al meglio insomma. Poi una volta che sono in ballo sono inarrestabile e mi dò al cento per cento, sì le sfide rappresentano una bella spinta! Le colleghe che hai lasciato penso che continuerai a sentirle e a frequentarle nei ritagli di tempo libero che avrai, poi avrai nuove colleghe e ti auguro che siano sulla tua stessa lunghezza d’onda emotiva! Per me da ieri è iniziato un periodo di riposo, ma anche di una grande felicità, spero che vada tutto bene perchè un po’ di paura ce l’ho, ma penso che sia anche normale!
    Un abbraccio e un complimento alle tue tagliatelle perr Rebecca lo devo fare, le trovo davvero ottime e soprattutto fresche, leggere. Pensa che stasera cucinerò qualcosa di molto simile, sarà telepatia?
    Baci da Sabrina e Luca che ora è al lavoro

  2. Diversamente alcolizzata?? ahahahahah Luà.. riesci sempre a farmi ridere…
    Mi dispiace per come ti senti.. è normale quando passi un pò di tempo in un posto di lavoro… t’ affezioni ai colleghi e quand’è il momento di salutarli.. bè.. si sta male!!! A me è capitato il contrario.. vedere colleghi che andavano via.. e stavo tanto.. ma tanto male.. Ci si riprende dopo un pò.. per forza di cose!! e poi quelle persone potrai sempre vederle e sentirle no???Vedrai che con quest’altra sfida sarai completamente assorbita.. e ti faccio quindi i miei in bocca al lupo!!! Mi spiace sentire che Rebecca sta attraversando un pessimo periodo.. cos’è? l’adolscenza spero e nulla di più! Anche io voglio quelle tagliatelle.. che fai vieni qui e me le porti???? E’ pure ora di pranzo.. T’abbraccio forte forte fore.. 😀

Lascia un commento